Revolution, il Sessantotto in mostra alla Fabbrica del Vapore

Musica, arte, cultura e design degli anni 1966-1970 in mostra a Milano per un viaggio nelle atmosfere di quegli anni

0
522

Oltre 500 oggetti diventano “narratori” e testimoni di un’epoca che ha cambiato la storia contemporanea. Stiamo parlando della mostra “Revolution. Musica e ribelli 1966-1970, dai Beatles a Woodstock“, fino ad aprile alla Fabbrica del Vapore di Milano, approdata nella città meneghina direttamente dal Victoria and Albert Museum di Londra.

Curata da Victoria Broackes e Geoffrey Marsh del Victoria and Albert Museum, insieme a Fran Tomasi,  che per primo portò in Italia i Pink Floyd, Clara Tosi Pamphili, giornalista e storica della moda, e Alberto Tonti, noto critico musicale, la mostra Revolution è un viaggio all’interno di quegli anni attraverso oggetti di design, articoli di giornale, oggetti, arte e moda, e soprattutto musica, vera protagonista e collante del’epoca dai Beatles ai Woodstock.

“Londra e San Francisco, – scrive Alberto Tonti- unite da un ponte invisibile ma assolutamente reale, diventano l’ombelico del mondo producendo e gettito continuo nuove culture.
Tutto questo e ben altro è rappresentato lungo il percorso della mostra: un giro emozionante su una sorta di ottovolante storditi da segni, colori, suoni, immagini, memorabilia.
Il tuffo in un passato che, per chi l’ha vissuto, scatena ricordi, passioni, emozioni mai sopite; per tutti gli altri produce una sorta di viaggio all’interno di un caleidoscopio unico ed irripetibile, alla scoperta degli anni che hanno lasciato un marchio indelebile nella storia del secolo scorso”.

Per maggiori info visita il sito ufficiale della mostra

REVOLUTION    Musica e ribelli 1966-1970 Dai Beatles a Woodstock

FABBRICA DEL VAPORE Via Cesare Procaccini, 4 – 20154 Milano dal 2 dicembre 2017 al 4 aprile 2018

Articolo precedenteUmberto Giordano e Milano, un legame indissolubile
Articolo successivoMilano, ecco le mostre del 2018 fino a maggio da non perdere
Emanuele Sanzone
Cresciuto con molta curiosità e tanti giornali da sfogliare, nel 2002, con alcuni miei amici abbiamo dato vita a ‘Schiamazzi’, un magazine per scuotere la sonnecchiante Cagnano Varano da cui nel 2007 nascerà il Cagnano Living Festival (rassegna dedicata creatività giovanile) e l’omonima associazione. Dal 2009 al 2013 ho scritto per il quotidiano ‘L’Attacco’ partendo come corrispondente dal mio paese fino a raccontare storie di successo, cultura, eventi della Capitanata. Nel 2012 mi sono cimentato in radio con il programma ‘In giro per il Gargano’, programma per raccontare l’estate garganica su OndaRadio. Nel 2013 dopo la laurea in lettere moderne, mi sono trasferito a Milano dove sono entrato nella redazione di Radio Statale e ho curato le corrispondenze da Milano per ‘L’Attacco’. Dal 2016, dopo essermi laureato in Teorie e metodi della Comunicazioni, collaboro con Articolo21.org, Mi piace tutto ciò che ha a che fare con la creatività giovanile, la natura, la buona cucina e i viaggi.