“Un vulcano geniale, bugiardo, bello, asociale, generoso, infedele, elegante, frenetico, vorace, affabulatore, insaziabile, incosciente, pazzo scatenato che voleva tutto…”
Con queste parole Giorgio Marconi nel 2004 descrive Mario Schifano. Parole che cercano di racchiudere uno dei protagonisti dell’arte italiana del Novecento, di cui ancora oggi se ne apprezza il segno.

Mario Schifano, un’intensa vita artistica

Mario Schifano nasce nel 1934 nella Libia italiana, dove lavora il padre. Quest’ultimo dopo la guerra torna in Italia per lavorare come archeologo e restauratore a Villa Giulia, a Roma. Schifano ne segue le orme e ha modo così di avvicinarsi all’arte, scegliendo il filone dell’arte informale. La sua prima mostra personale risale al 1959 presso la Galleria Appia Antica di Roma.
Nello stesso periodo aderisce al Movimento artistico Scuola di Piazza del Popolo con Francesco Lo Savio, Mimmo Rotella, Giuseppe Uncini, Giosetta Fioroni, Tano Festa e Franco Angeli.
Nei primi anni Sessanta va negli Stati Uniti per un primo viaggio, dove frequenta Andy WarholJasper Johns, Mark Rothko e inizia le sue opere pop della serie Propaganda. Questi lavori ricordano brand pubblicitari (come Coca Cola ed Esso), oltre che segnali stradali, numeri e lettere. Espone quindi a Venezia, Roma, Parigi, New York con quadri con una o due tinte al massimo.
Successivamente, negli anni Sessanta, nei suoi quadri iniziano ad apparire strade, particolari, alberi. È il periodo in cui entra in contatto con Giorgio Marconi, con cui dal 1963 stabilisce i primi accordi di collaborazione, che diventeranno esclusivi nell’anno successivo. Marconi lo definisce “un vulcano geniale” e lo considera uno dei più importanti pittori italiani del suo tempo. Con Marconi, Schifano partecipa a personali e collettive internazionali negli States a New York e Pittsburgh a San Paolo del Brasile e
a Tokyo fino al 1970.
Dopo l’impegno civile negli anni del ’68 e della contestazione, dal 1970, inizia la sua sperimentazione di riporto di immagini televisive sulla tela emulsionata, con interventi cromatici con smalti industriali.
In quegli anni è protagonista di mostre personali: in particolare nel 1972 della X Quadriennale romana. Successivamente espone a “Contemporanea”, rassegna curata da Achille Bonito Oliva nel parcheggio di Villa Borghese. All’Università di Parma nel 1974 si svolge una vasta antologica  con un centinaio di opere che ricostruiscono la carriera artistica di Mario Schifano.
In questi anni torna a rivisitare la storia dell’arte con opere ispirate ai capolavori delle avanguardie storiche e realizza nuovi cicli, tra cui Quadri equestri, Architettura, Naturale sconosciuto, Reperti.
Negli anni ’80 e ’90 oltre a organizzare numerose personali in Italia e all’estero partecipa a diverse edizioni della Biennale di Venezia ed è inserito nelle principali rassegne dedicate all’arte contemporanea italiana, in Italia e nel Mondo.

Al principio fu Vero amore

Il sottotitolo dell’esposizione è un chiaro riferimento alla mostra tenutasi nel 1965. L’intero percorso, infatti, ha come obiettivo ripercorrere le mostre di Schifano che si sono tenute a Milano alla Galleria Marconi dal 1965 al 1970, dando la possibilità a chi c’era di riviverle e a chi non c’era di scoprirle.

Vero Amore Mario Schifano
Mario Schifano, Vero amore, 1965, Smalto e grafite su tela, 80 x 80 cm, collezione privata, Courtesy Fondazione Marconi, Milano, © Mario Schifano by SIAE 2018

La prima mostra, come si è detto, è Vero Amore, dove il soggetto è un albero ricco di fronde, forte e rigoglioso, replicato diverse volte in versioni eterogenee. Il tutto giocato attraverso il contrasto tra figura e sfondo.

Dall’Inventario con anima e senza anima a Tuttestelle

Altre due mostre di successo degli anni Sessanta vengono rievocate nel percorso della mostra. La prima è Inventario con anima e senza anima (1966) – in cui Mario Schifano inserisce il ciclo Futurismo rivisitato, ispirandosi alla nota fotografia del gruppo futurista eseguita nel 1912 a Parigi. Segue Tuttestelle (1967) che neanche a dirlo vede protagoniste stelle dipinte a spruzzo, forme che riportano l’artista ai ricordi dolci dell’infanzia. Qui Schifano inizia a lavorare con calotte di perspex trasparente o colorato per giungere a inediti effetti di velatura

Mario Schifano Spazio, 1965 smalto e grafite su tela / enamel and graphite on canvas 200 x 200 cm collezione privata, Courtesy Fondazione Marconi, Milano © Mario Schifano by SIAE 2018
Mario Schifano Spazio, 1965 smalto e grafite su tela / enamel and graphite on canvas 200 x 200 cm collezione privata, Courtesy Fondazione Marconi, Milano © Mario Schifano by SIAE 2018
Mario Schifano Paesaggio anemico, 1965 smalto su tela e perspex / enamel on canvas with perspex 220 x 150 cm collezione privata, Courtesy Fondazione Marconi, Milano © Mario Schifano by SIAE 2018
Mario Schifano Paesaggio anemico, 1965 smalto su tela e perspex / enamel on canvas with perspex 220 x 150 cm collezione privata, Courtesy Fondazione Marconi, Milano © Mario Schifano by SIAE 2018
Mario Schifano Futurismo rivisitato, 1965 smalto e spray su tela e perspex / enamel and spray paint on canvas with perspex 174 x 336 cm collezione privata, Courtesy Fondazione Marconi, Milano © Mario Schifano by SIAE 2018
Mario Schifano Futurismo rivisitato, 1965 smalto e spray su tela e perspex / enamel and spray paint on canvas with perspex 174 x 336 cm collezione privata, Courtesy Fondazione Marconi, Milano © Mario Schifano by SIAE 2018
Mario Schifano Tuttestelle, 1967 smalto e spray su tela e perspex / enamel and spray paint on canvas with perspex 200 x 400 cm collezione privata, Courtesy Fondazione Marconi, Milano © Mario Schifano by SIAE 2018
Mario Schifano Tuttestelle, 1967 smalto e spray su tela e perspex / enamel and spray paint on canvas with perspex 200 x 400 cm collezione privata, Courtesy Fondazione Marconi, Milano © Mario Schifano by SIAE 2018
Mario Schifano Tuttestelle, 1967 smalto e spray su tela e perspex / enamel and spray paint on canvas with perspex 200 x 100 cm collezione privata, Courtesy Fondazione Marconi, Milano © Mario Schifano by SIAE 2018
Mario Schifano Tuttestelle, 1967 smalto e spray su tela e perspex / enamel and spray paint on canvas with perspex 200 x 100 cm collezione privata, Courtesy Fondazione Marconi, Milano © Mario Schifano by SIAE 2018

L’attualità politica di Compagni, compagni

La linea del tempo (e della mostra) continua virando all’attualità politica, con Compagni, compagni (1968) in cui le fotografie di studenti e operai cinesi, con tanto di falce e martello, diventano figure mediatiche.

Mario Schifano Compagni compagni, 1968 smalto e spray su tela e perspex / enamel and spray paint on canvas with perspex 200 x 300 cm collezione privata, Courtesy Fondazione Marconi, Milano © Mario Schifano by SIAE 2018
Mario Schifano Compagni compagni, 1968 smalto e spray su tela e perspex / enamel and spray paint on canvas with perspex 200 x 300 cm collezione privata, Courtesy Fondazione Marconi, Milano © Mario Schifano by SIAE 2018
Mario Schifano Sulla giusta soluzione delle contraddizioni in seno alla società, 1968 tecnica mista su carta / mixed media on paper 200 x 140 cm collezione privata, Courtesy Fondazione Marconi, Milano © Mario Schifano by SIAE 2018
Mario Schifano Sulla giusta soluzione delle contraddizioni in seno alla società, 1968 tecnica mista su carta / mixed media on paper 200 x 140 cm collezione privata, Courtesy Fondazione Marconi, Milano © Mario Schifano by SIAE 2018

A chiudere in bellezza l’itinerario artistico sono i famosissimi  Paesaggi TV (1970). Qui immagini tratte da televisiori vengono estrapolate dal contesto, rimaneggiate con colore all’anilina (cioè concentrato in polvere e sciolti in acqua) o al nitro, fissate su carta, pellicola o tela emulsionata.

Mario Schifano Paesaggio TV, 1970 smalto e aniline su tela emulsionata e perspex / enamel, aniline and emulsion on canvas with perspex 114 x 146 cm collezione privata, Courtesy Fondazione Marconi, Milano © Mario Schifano by SIAE 2018
Mario Schifano Paesaggio TV, 1970 smalto e aniline su tela emulsionata e perspex / enamel, aniline and emulsion on canvas with perspex 114 x 146 cm collezione privata, Courtesy Fondazione Marconi, Milano © Mario Schifano by SIAE 2018
Mario Schifano Paesaggio TV. Astronauti, 1970 smalto e aniline su tela emulsionata e perspex / enamel, aniline and emulsion on canvas with perspex 74 x 92 cm collezione privata, Courtesy Fondazione Marconi, Milano © Mario Schifano by SIAE 2018
Mario Schifano Paesaggio TV. Astronauti, 1970 smalto e aniline su tela emulsionata e perspex / enamel, aniline and emulsion on canvas with perspex 74 x 92 cm collezione privata, Courtesy Fondazione Marconi, Milano © Mario Schifano by SIAE 2018

“Se, da un lato, l’obiettivo della mostra è rendere un dovuto omaggio all’artista – spiegano gli organizzatori- dall’altro, si vuol celebrare la sua collaborazione con la storica galleria milanese che aveva da poco iniziato la sua attività. ”

Omaggio a Schifano, le info utili per la mostra

OMAGGIO A MARIO SCHIFANO
Al principio fu Vero amore

30 novembre 2018 – 16 febbraio 2019
Fondazione Marconi, Via Tadino 15, 20124 Milano
martedì – sabato, 10-13 / 15-19
ingresso gratuito

Per approfondire: www.fondazionemarconi.org/ 

Articolo precedenteNon solo Verdi, Attila protagonista tra arte, cinema e letteratura
Articolo successivoArte e Musica: nelle notti romane d’inverno il connubio tra cultura e moda
Emanuele Sanzone
Cresciuto con molta curiosità e tanti giornali da sfogliare, nel 2002, con alcuni miei amici abbiamo dato vita a ‘Schiamazzi’, un magazine per scuotere la sonnecchiante Cagnano Varano da cui nel 2007 nascerà il Cagnano Living Festival (rassegna dedicata creatività giovanile) e l’omonima associazione. Dal 2009 al 2013 ho scritto per il quotidiano ‘L’Attacco’ partendo come corrispondente dal mio paese fino a raccontare storie di successo, cultura, eventi della Capitanata. Nel 2012 mi sono cimentato in radio con il programma ‘In giro per il Gargano’, programma per raccontare l’estate garganica su OndaRadio. Nel 2013 dopo la laurea in lettere moderne, mi sono trasferito a Milano dove sono entrato nella redazione di Radio Statale e ho curato le corrispondenze da Milano per ‘L’Attacco’. Dal 2016, dopo essermi laureato in Teorie e metodi della Comunicazione, collaboro con Articolo21.org, e mi occupo di marketing digitale per l'editoria Mi piace tutto ciò che ha a che fare con la creatività, la natura, la buona cucina e i viaggi.