il digiunatore carrabba recensione zeropositivo
Il digiunatore di Enzo Fileno CarabbaIl digiunatore di Enzo Fileno Carabba
ISBN: 9788833316888
Edito da Ponte alle Grazie il 2022
Genere: Narrativa
Pagine: 256
Formati: Brossura, eBook
La scheda del libro su AmazonLa scheda del libro su IBS
Goodreads

“Ci sono giorni in cui la tua vita cambia e ti si ritorce contro. Sei lì che compi grandi imprese, poi cambia l’angolazione del tuo sguardo e ti scopri ridicolo fin dalla nascita. Se hai due o tre anni e sei un tipo ponderato analizzi la situazione e ti dici: non importa, ho tempo per maturare. Altrimenti ti butti giù.”

Enzo Fileno Carabba

Enzo Fileno Carabba è nato a Firenze nel 1966. È autore di romanzi pubblicati in Italia e all’estero, di racconti, sceneggiature radiofoniche, libri per bambini, libretti d’opera e poesie. Nel 1990 ha vinto il Premio Calvino con il romanzo Jakob Pesciolini e il suo ultimo libro è Vite sognate del Vasari (Bompiani, 2021). Vive a Impruneta.

Si dice che la gente voglia certezze. Il padrone era più sofisticato. Spiegò a Giovanni il valore del dubbio. “La gente vuole discutere. Più dubbi gli dai e più sono contenti. Così si sentono furbi”.

In quel clima di dubbio ognuno aveva la sua certezza personale. Ci si aggrappavano a occhi chiusi, alla loro certezza personale, e intanto dicevano agli altri di aprire gli occhi.”

Il digiunatore, la trama

Il digiunatore racconta l’incredibile storia di Giovanni Succi, leggendario digiunatore originario di Cesenatico Ponente conosciuto in tutto il mondo per i suoi lunghi periodi di astinenza dal cibo, raccontati con ironia e spensieratezza. Fin dalla tenera eta’ Giovanni è attratto dal mondo del circo ma scopre l’arte magica del digiuno soltanto dopo un viaggio in Africa, quando si ammala gravemente e lo stregone di un villaggio gli somministra un elisir che gli consente di rimanere a digiuno per molti giorni dare modo al corpo di rigenerarsi.

Questo insegnamenti si piantò nella mente del Succi con la forza di un enigma. Si sedette, riprese a fumare e aspettò fiducioso la soluzione, che si rivelò semplice.
<<Il mondo è un serpente velenoso, devi incantarlo>> disse la voce dello stregone nelle volute del fumo.

Da lì inizia la sua avventura tra spettacolo e scienza, dal momento che il digiunatore ammalia il grande pubblico ma attrae anche la curiosità di scienziati, in un viaggio che attraversa il mondo dal Canale di Suez al manicomio della Lungara, dalle strade del Cairo e di Milano alle corsie della Salpêtrière.

“Il fatto che […] non riuscisse a mettere a fuoco le persone diverse da lui non deve scandalizzare. Succede a tutti, solo che quando succede a noi non ce ne accorgiamo.”

Il digiunatore, stile

Enzo Fileno Carabba parte quindi da una storia vera e ci ricava un romanzo godibile, che ci accompagna nelle gesta del protagonista e ce ne fa apprezzare il modo di pensare, un punto di vista ‘stralunato’ sulla realtà che ci ricorda come la realtà spesso può essere letta in un altro modo che ai più può sembrare strano.

“Da ragazzo si buttava dagli scogli. Da grande si buttava nelle situazioni. Si buttò a capofitto anche nel manicomio. All’inizio però non capiva”

La lettura del romanzo è scorrevole e piacevole, con una narrazione che segue il corso cronologico degli eventi e ci fa ‘convivere’ pagina dopo pagina con Giovanni Succi che da personaggio sui generis diventa straordinariamente vicino al lettore.

è così che si diventa pazzi: guardando la verità all’improvviso

La scheda del libro su Amazon e su su IBS

Segui Zeropositivo su Facebook e Instagram