rosario sprovieri e gaspare giansanti zeropositivo
Rosario Sprovieri e Gaspare Giansanti, storia di una amicizia d’altri tempi che oggi è un saggio di storia dell’arte italianaUna vita per l'arte. La Nuova Pesa nella Roma degli anni Sessanta nel racconto di Gaspare Giansanti di Rosario Sprovieri
ISBN: 9788882765521
Edito da Progetto 2000 il 3 Agosto 2022
Genere: Arte e storia
Formati: Copertina rigida
La scheda del libro su IBS

di Francesco Gallo Mazzeo

“Una vita per l’arte, la Nuova Pesa nella Roma degli anni Sessanta nel racconto di Gaspare Giansanti”. Appena fresco di stampa l’ultimo saggio d’arte di Rosario Sprovieri,175 pagine, per la Editoriale Progetto 2000 di Demetrio Guzzardi, e in cui l’intellettuale calabrese ricostruisce una fetta importante della storia dell’arte a Roma, partendo dal racconto intimo che gli fa il suo amico più caro, Gaspare Giansanti. La prefazione è del prof. Francesco Gallo Mazzeo un grande critico d’arte

Scrivere una memoria vuol dire ricordare persone, fatti, avvenimenti, costruendo una cronologia che faccia da struttura, da impalcatura, necessaria per dare un senso alle cose; potremo descrivere la genealogia che li rende comprensibili, leggibili, al fine di connettere la tramatura con una scienza di significati. La memoria non è storia, nel senso pieno del termine, perché manca di necessario orizzonte e di soggettività fattuale, ma serve a essa, in quanto consegna tasselli di conoscenza, non importa se minori o parziali, al tessuto connettivante di un’epoca. La storia non è fatta solo di cifrari roboanti, ma anche di punti di vista imprevisti, detti minori, che permettono, a volte di risolvere i rebus delle incoerenze, delle interferenze, delle inspiegabilità, nella vicenda di persone e strutture importanti, che hanno avuto una funzione maieutica, nella vita di individui protagonisti, così come in figure d’appoggio, che in apparenza dovevano solo fare, eseguire, senza mai interferire, ma poi in effetti non è mai così.

Se i muri hanno occhi e orecchie, figuriamoci persone in carne e ossa, che nel tempo lungo, nella frequentazione, diventano essi stessi protagonisti involontari, ma pregnanti portatori di una particolarità, che diventa molto importante. Contribuisce a stabilire un ethos, una norma, che permette di comprendere un tempo preciso, che man mano si allontana da noi, come quello del secondo Novecento, le cui caratteristiche e la cui tempistica, mostra già una differenza, rispetto a noi, che pure quei tempi li abbiamo vissuti, ma che oggi appaiono già datati, nel modo di essere e di apparire, nella psicologia e nella sociologia dei fenomeni comportamentali e linguistici.

Il libro memoriale di Gaspare Giansanti e Rosario Sprovieri (il primo a sinistra nella foto ) rientra pienamente in questa perimetrazione in cui prendono vita personalità rilevanti, come quelle di Antonello Trombadori, Alvaro Marchini e Fernando Terenzi, che con la presenza debordante e fascinosa di Renato Guttuso, hanno impresso un segno preciso, nell’aver delineato un aspetto della linea culturale italiana nel campo delle arti visive, intersecandosi con artisti, critici, collezionisti, politici e tutto quanto emergeva da una scena romana, dove apparivano, e non fugacemente, Pablo Picasso, Daniel-Henry Kahnweiler, due colossi del secolo; ma non solo, tanti italiani, i cui nomi ci sono familiari e tanti stranieri, di quella Parigi che ancora faceva la differenza, di quella potente America, che fa capolino con la figura di Burt Lancaster, interprete del personaggio di don Fabrizio Solima del romanzo di Tomasi di Lampedusa.

Quella che emerge, con la leggerezza composita delle memorie di Gaspare Giansanti con la scrittura di Rosario Sprovieri, è una fraseologia, che dimostra un’apertura della società romana al parlarsi degli uni con gli altri e non al chiudersi, come avviene in questo inizio di secolo e di millennio, entrando senza il trauma con cui il Settecento aveva introdotto l’Ottocento e quello con cui l’Ottocento aveva lasciato al tempo del Novecento. Si può dire che il secolo e il millennio stiano cominciando adesso, con vent’anni di ritardo, dal traguardo e dalla partenza ufficiale, tanto che i personaggi di cui si parla in queste pagine, appaiono allontanarsi da noi. Intanto perché sono tutti morti o quasi, com’è avvenuto al timido Gaspare Giansanti; rimangono con noi solo alcuni, come i valorosi Ennio Calabria e Aldo Turchiaro, a dire e fare con un segno d’altri tempi, quello che andrebbe fatto oggi, cioè di costruire un tessuto a maglie strette in questa città che si sta smagliando, non già per rifare quello che è stato fatto, ma per essere innovativi nello stesso modo in cui quelli che oggi ci richiamano alla tradizione, nel tempo susseguente i decenni, Cinquanta, Sessanta, Settanta, Ottanta, sono stati innovativi.

Le gallerie di cui si parla non ci sono più e quelle che ci sono appartengono a categorie che non ci sono consanguinee (chiaramente, questo vale, solo per lo scrivente) votate a un mercato di cui non si sottovaluta l’importanza ma che non può essere tutto: ci devono essere valori, significati, moralità, senza di cui tutto diventa senza cuore, senza anima, senza arte (mi verrebbe da dire). A scorrere i nomi, mi viene in mente un presagio non benevolo, quello dell’oblio che molti di loro rischiano e che bisogna scongiurare; faccio un esempio per tutti: quello di Giuseppe Mazzullo, di cui a parte una marginale fondazione taorminese, non c’è nulla che lo ricordi, ma con lui, voglio citare Cordio, Virduzzo, Verrusio, Viaggio; ma tanti che, non nomino, perché sarebbe un libro intero a cui dobbiamo dedicare attenzione e rispetto.

È vero, lo diciamo spesso, chi non ha storia non ha futuro, ma la storia siamo noi tutti, coscienza e consapevolezza, istituzioni e accadimenti a cui scritture come questa ci possono stimolare, per capire meglio quali possano essere le strategie dell’oggi, per avere un domani e non essere destinati all’oblio anche noi. Occorre darsi delle connotazioni agili, per raccogliere quanto può essere raccolto e lanciare una sfida alle tecnologie che non possono e non devono rendere tutto virtuale, perché deve continuare a vigere una fisicità di donne e uomini veri.

Gaspare Giansanti, negli ultimi anni è stato un assiduo frequentatore dei miei mercoledì di Unum e Signum di Bibliothè, a Roma, ma devo dire che la lettura di queste pagine, mi consegnano una brillantezza e una vivacità, che non avevo sospettato e di ciò gli chiedo scusa.

Questo libro non è rivoluzionario, non è sensazionalistico, non svela segreti e impertinenze, ma rivela il volto di un costruttore che nell’ombra e nella tenacia, si è costruito una consapevolezza, una cultura e ha voluto che tutto questo non rimanesse confinato nella sua testa, ma diventasse di tanti, di quegli altri tanti che non hanno pensato di mettere nero su bianco; tutte quelle persone che sono state a fianco di protagonisti, di cui hanno carpito le segretezze, le sottigliezze e l’umanità.

Ecco queste pagine, sono pagine di un’umanità che non ha medaglie da mostrare, che non ha benemerenze da chiedere, ma cose da dire, completando un quadro, che non ha solo luminarie e soli danzanti, ma sotterranei, officine, cucine e laboratori da cui fare uscire nuovi sapori: vita.

Rosario Sprovieri e Gaspare Giansanti, storia di una amicizia d’altri tempi che oggi è un saggio di storia dell’arte italianaUna vita per l'arte. La Nuova Pesa nella Roma degli anni Sessanta nel racconto di Gaspare Giansanti di Rosario Sprovieri
ISBN: 9788882765521
Edito da Progetto 2000 il 3 Agosto 2022
Genere: Arte e storia
Formati: Copertina rigida
La scheda del libro su IBS